vi ricordiamo che, in base alle ultime disposizioni, l'ingresso al cinema è possibile:
usando la mascherina FFP2

Grazie per la collaborazione!

 

Venerdì 27 Maggio dalle 20.30

IL CAMMINO DELLA POSTUMIA

- Anteprima -

Regia di Alessandro Scillitani, con Paolo Rumiz

Presentazione del docufilm promosso e organizzato da Provincia di Cremona e da Padania Acque S.p.A

Evento con il patrocinio del Ministero della Cultura e della Regione Lombardia

poster-il cammino della Postumia.jpg

L’antica Chiesa di San Vitale si trova a Cremona, lungo la storica Via Postumia. Tra i suoi affreschi spicca quello di un santo pellegrino, di fianco al quale è raffigurata una conchiglia, simile a quella che rappresenta il cammino di Santiago.
Un chiaro invito al viaggio, che è stato raccolto da un gruppo di camminatori che hanno percorso l’antica via da Genova fino ad Aquileia.

La Via Postumia era una via consolare romana fatta costruire da Postumio Albino nel 148 a.C. nei territori della Gallia Cisalpina, l’odierna Pianura Padana, per scopi prevalentemente militari.
Congiungeva via terra i due principali porti romani del nord Italia: Aquileia, grande centro nevralgico dell’Impero Romano, sede di un grosso porto fluviale accessibile dal Mare Adriatico, e Genova.
Un cammino di terre e di acque, fatto di incontri, di storie antiche e moderne, percorso attraver- sando a passo lento l’Italia del nord, tra appennino e pianure, tra i racconti archeologici e l’epopea delle cascine, i suoni dei pifferi e quelli delle liuterie cremonesi.

_____________________
Programma della serata:

 

Ore 20.30
Introduzione

- Giorgio Brugnoli, curatore del progetto

Interventi
- Paolo Mirko Signoroni,
Presidente della Provincia di Cremona
- Cristian Chizzoli,
Presidente di Padania Acque S.p.A

Saluti Istituzionali
- Paolo Piacentini,
Consigliere del Ministro della Cultura, Dario Franceschini, per i cammini e gli itinerari culturali
- Stefano Bruno Galli, Assessore all'Autonomia e Cultura – Regione Lombardia

Prefazione alla visione
- Alessandro Scillitani, regista
- Paolo Rumiz, giornalista e scrittore

 

Ore 21.00
Visione del film